Skip to main content
OneTouch® brand lifestyle

Partiamo dall’inizio: Che cos’è il diabete?

Partiamo dall’inizio: Che cos’è il diabete?

Cosa sono diabete e insulina?

Il diabete è una patologia cronica (di lunga durata) che si sviluppa quando l’organismo non riesce a produrre in quantità sufficiente insulina o non riesce a utilizzarla correttamente. L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che favorisce l'assorbimento del glucosio (zucchero) dal sangue alle cellule del corpo, dove viene utilizzato per ricavarne energia. Quando l’insulina manca o non esplica la sua funzione correttamente, il glucosio rimane nel sangue. Ecco perché il diabete viene diagnosticato allorché sono riscontrati alti livelli di glucosio nel sangue.

Con il passare del tempo, i livelli elevati di glucosio nel sangue (iperglicemia) possono provocare danni a molti tessuti del corpo, portando allo sviluppo di complicanze invalidanti che, se progrediscono nel tempo, possono essere anche rischiose per la vita.

Diabete di tipo 1 mellito

Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario attacca le cellule pancreatiche deputate alla produzione di insulina. Pertanto, il corpo non è più in grado di produrre l’insulina di cui ha bisogno. Le cause di questo evento non sono ancora chiare. La malattia può colpire persone di qualsiasi età, ma di solito insorge in bambini, adolescenti o giovani adulti. Le persone affette da questa forma di diabete devono assumere ogni giorno l'insulina per tenere sotto controllo i livelli ematici di glucosio. Senza insulina una persona con il diabete di tipo 1 mellito non può sopravvivere. Con il trattamento quotidiano a base di insulina, con un’alimentazione e uno stile di vita sani e con l'automonitoraggio glicemico, le persone affette da diabete di tipo 1 possono condurre una vita regolare e sana.1

Diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune e diffusa. Di solito si presenta negli adulti, ma si sta verificando un incremento di diagnosi anche nei bambini e negli adolescenti. Nel diabete di tipo 2, l’organismo è in grado di produrre insulina , ma questa o non è in grado di esplicare la sua funzione poichè si è sviluppata una resistenza dei tessuti periferici, oppure non è prodotta in quantità sufficiente ai bisogni. Con il passare del tempo, infatti, i livelli di insulina possono abbassarsi eccessivamente e risultare quindi inefficaci. Sia la resistenza all’insulina, sia ridotta quantità della stessa insulina portano ad alti livelli di glicemia (iperglicemia).1

A differenza delle persone con diabete di tipo 1, le persone affette da diabete di tipo 2 non necessitano obbligatoriamente dell’assunzione di insulina per sopravvivere. Il trattamento principale prevede l’adozione di un piano alimentare sano, l’aumento dell’attività fisica, la gestione del peso corporeo e l’assunzione di farmaci per il diabete, se necessario. Per controllare i valori  glicemici nelle persone con diabete di tipo 2, sono disponibili terapie orali con compresse o capsule e, quando necessario, anche terapie con farmaci iniettabili, come, appunto, l’insulina.

Prediabete

A volte i valori della glicemia possono essere più alti del normale, ma non al punto da indicare la presenza di diabete.  Questa condizione, denominata prediabete, aumenta il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Se le analisi di laboratorio hanno indicato la presenza di prediabete o se sei a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, sappi che è possibile prevenire o rallentarne l'insorgenza. Modificare in modo tempestivo lo stile di vita contribuisce a rallentare o possibilmente prevenire la comparsa del diabete di tipo 2 e delle sue complicanze (come le malattie cardiovascolari). Non è mai troppo tardi per iniziare.

Se il tuo medico ha accertato una diagnosi di prediabete, sarà importante che tu ti sottoponga possibilmente ogni anno, o ogni due anni, agli opportuni controlli ed esami di laboratorio per rilevare l'eventuale comparsa del diabete. Raggiungere e mantenere un peso corretto, svolgere attività fisica e seguire una corretta alimentazione contribuiranno ulteriormente a prevenire il diabete di tipo 2.

1.IDF Diabetes Atlas (7th Ed.) (2015). Brussels, Belgium: International Diabetes Federation.

CO/LFS/0416/0039